Un’altra installazione in luogo abbandonato, una riflessione sull’intelligenza artificiale che alla fine pare più malinconia barocca. Ve la racconterò presto, promesso. Tutte le fotografie sono di Andrea Zampatti.